Fotosensibilizzanti

Questo articolo intende aiutare il lettore nella rapida identificazione dei rimedi naturali utili nel trattamento dei vari sintomi, disturbi e patologie. Per alcuni rimedi elencati, tale utilità potrebbe non essere stata confermata da sufficienti verifiche sperimentali, condotte con metodo scientifico. Inoltre, qualsiasi rimedio naturale presenta potenziali rischi e controindicazioni.
Se disponibile, consigliamo pertanto di cliccare sul link corrispondente al singolo rimedio per approfondire l'argomento. In ogni caso, ricordiamo l'importanza di evitare l'autoterapia e di consultare preventivamente il proprio medico per accertare l'assenza di controindicazioni ed interazioni farmacologiche.


Fotosensibilizzanti - sfondo

Si definisce fotosensibilizzante qualunque sostanza che, applicata sulla cute o assunta per via sistemica, è in grado di aumentare la sensibilità della pelle alla luce. Tale effetto è dovuto alla capacità, propria della sostanza fotosensibilizzante, di assorbire l'energia trasmessa dalla luce ed amplificarla, con formazione di radicali liberi. In questo modo, le sostanze fotosensibilizzanti esaltano l'azione cutanea dei raggi ultravioletti, in particolare di quelli responsabili dell'abbronzatura (ma anche dei danni da eccessiva esposizione solare).

Le sostanze fotosensibilizzanti vengono impiegate nella cosiddetta terapia fotodinamica, utilizzata per stimolare la pigmentazione cutanea nella vitiligine ed in misura minore nella psoriasi e nell'alopecia areata.

Un'eccessiva fotosensibilizzazione si manifesta con la comparsa di eritema. Pertanto, i soggetti che assumono integratori o farmaci fotosensibilizzanti, specialmente se di pelle chiara, dovrebbero evitare esposizioni solari prolungate e trattamenti U.V.

Farmaci fotosensibilizzanti: Foscan ®, Photobarr ®, Visudyne ®.

Piante medicinali Fotosensibilizzanti ed integratori dalle proprietà Fotosensibilizzanti

Iperico, ipericina, Angelica, Grano Saraceno, Kava kava, Levistico, Visnaga, Anice Stellato, Anice, Prezzemolo, Cumino, Ruta, Olio essenziale di arancio amaro e di Bergamotto, furanocumarine (psoralene, angelicina ecc.).