Carminativo, rimedi e farmaci carminativi

Il termine carminativo è riservato a tutti quei farmaci o droghe capaci di limitare la formazione e soprattutto il ristagno di gas a livello gastro-intestinale, favorendone l'espulsione dallo stomaco e dall'intestino.

Il finocchioLa formazione di gas nel tubo digerente è favorita dall'assunzione di particolari cibi, come le bevande gassate ed i semi delle leguminose, ma anche da scorrette abitudini alimentari (vedi aerofagia, intolleranza al lattosio e dieta dissociata). Il ristagno gassoso provoca fastidiosi disturbi - come eruttazioni frequenti, dispepsia, coliche intestinali, flatulenza e meteorismo - che possono essere alleviati dall'assunzione di carminativi. Il cumino, l'anice ed il finocchio sono tipiche droghe carminative, che agiscono regolando la capacità contrattiva del tubo digerente e possiedono attività antimicrobica (i gas rappresentano la normale conseguenza della fermentazione batterica degli alimenti, in particolare di zuccheri e fibre). Altre droghe vegetali ad azione carminativa sono l'angelica, la menta (famosa è la sua attività spasmolitica), la melissa, la camomilla e naturalmente miscele di più droghe ad effetto carminativo; spesso si utilizzano combinazioni di oli essenziali, che favoriscono la secrezione gastrica e promuovono la motilità intestinale, ed estratti secchi, che tendono a ridurla.

Il carbone vegetale ed il caolino non facilitano l'eliminazione dei gas ma il loro adsorbimento; il simeticone, infine, agisce riducendo le tensioni dei gas a livello gastro-intestinale, favorendone la coalescenza e l'eliminazione soprattutto attraverso l'eruttazione.