Filtri solari

I prodotti solari contengono sostanze in grado di difendere la nostra pelle dalle radiazioni elettromagnetiche prodotte dal sole. L'abbronzatura è la difesa che la pelle mette in atto per proteggersi dalle radiazioni: infatti la melanina che viene prodotta, e che provoca la pigmentazione della pelle, è in grado di assorbire buona parte delle radiazioni solari. La maggior parte dei sistemi naturali di fotoprotezione diviene tuttavia insufficiente dopo intensa e prolungata esposizione UV. filtri solariI metodi di fotoprotezione sono perciò  diretti a potenziare i sistemi presenti nella cute mediante sostanze introdotte per via sistemica o applicate sulla cute, come prodotti solari contenenti filtri fisici e chimici.


I filtri fisici sono sostanze che agiscono fisicamente riflettendo le radiazioni. I filtri chimici, invece, ricalcano il meccanismo della melanina, quindi assorbono 'energia elettromagnetica' e la restituiscono sotto forma di altra energia.


I filtri chimici Sono sostanze di sintesi con una struttura chimica che consiste, in genere, di un anello aromatico e di due gruppi funzionali in grado di agire da donatori o da accettori di elettroni. Assorbono selettivamente i raggi UV a corta lunghezza d'onda e li convertono in radiazioni a lunghezza d'onda maggiore e meno energetiche. L'energia assorbita da parte del filtro corrisponde all'energia richiesta per causarne l'eccitazione fotochimica ad uno stato di energia più alto rispetto a quello nel quale si trova; ritornando allo stato energetico iniziale, emette radiazioni di una lunghezza d'onda maggiore, non dannose per la nostra cute.
Anche i filtri solari sono regolati dal Nuovo Regolamento sui prodotti cosmetici; le sostanze attualmente ammesse sono 28, di cui 27 di tipo chimico e solo una di tipo fisico. L'unico filtro fisico è il biossido di titanio, con una concentrazione massima autorizzata pari al 25%.

Requisiti di un filtro solare ideale:

  • Assorbimento massimo sia UVA che UVB;
  • Efficace a basso dosaggio;
  • Stabile e fotostabile;
  • Sostantivo sulla cute;
  • Solubile in acqua e nei veicoli oleosi;
  • Compatibile con gli altri componenti della formulazione;
  • Buon profilo tossicologico;
  • Inodore;
  • Incolore;
  • Insapore;
  • Resistente all'acqua;
  • Non assorbito dalla cute.