Come Preparare e Bere la Yerba Matè con la Bombilla - Proprietà

Oggi vedremo insieme come preparare una bibita speciale, tanto apprezzata in America del sud: sto parlando dell’infuso di yerba mate, noto anche come tè del Paraguai. Nel video precedente abbiamo conosciuto le caratteristiche salutistiche di questa pianta diuretica, tonificante e stimolante, scoprendo che, insieme a tè, caffè e cacao, costituisce una delle fonti naturali più ricche di caffeina. Oggi, invece, impareremo insieme a preparare l’estratto del matè utilizzando l’apposito strumento. Il recipiente destinato a contenere le foglie sminuzzate di matè è una tazza che, normalmente, consiste in una piccola zucca vuota ed essiccata. In alternativa a questo speciale contenitore di zucca, si può utilizzare una tazza in legno, in vetro o in ceramica. Lo strumento che non può mancare per estrarre i principi attivi dal matè si chiama bombilla: si tratta di una sorta di speciale cannuccia di metallo munita, su un'estremità, di un filtro che impedisce alla foglioline essiccate di venire aspirate mentre si assume la bevanda. La bombilla si trova nei supermercati più forniti o, più facilmente, nei negozi etnici e macrobiotici.


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: facile

PER QUANTE PERSONE: 10 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI:- KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE:


37 CommentiClicca per leggerli

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta:   Preparazioni di Base / Ricette Vegane / Ricette Senza Glutine / Ricette Internazionali / Ricette dietetiche Light

Ingredienti

Per 1 tazza da bere con bombilla (10-20 dosi)

Materiale occorrente

  • Tazza in zucca, in legno, in vetro o in ceramica
  • Bombilla
  • Pentolino

Preparazione

  1. Lavare la tazza di zucca (chiamata “mate”) strofinando del sale lungo le pareti. Far asciugare perfettamente il recipiente. In alternativa al contenitore vegetale, si può utilizzare una qualsiasi tazza, in vetro, legno o ceramica. La bombilla (cannuccia di metallo munita di filtro) è indispensabile.
  2. Riempire, fino a metà, la tazza con le foglie essiccate di yerba mate. Con il palmo di una mano, coprire la tazza, rovesciarla e, con dei colpi decisi, scuotere le foglie secche di matè: in questo modo, le polveri più fini si depositeranno sulla cima della droga (intesa come pianta officinale) e sul palmo della mano, evitando di conseguenza che si disperdano nella bibita (e non finiranno in bocca quando si assumerà il matè).
  3. Inclinare la tazza in modo che le foglioline di matè si concentrino solo su un lato.
  4. Appoggiare delicatamente la tazza, evitando di pareggiare le foglioline. Inserire la bombilla nella metà vuota, avendo cura di dirigere il filtro verso il basso, nel punto in cui non ci sono foglioline di matè.
  5. Versare lentamente acqua fredda nello spazio senza foglioline: lasciar riposare per un paio di minuti o fino a quando l’acqua risulterà completamente assorbita dalla droga.

Attenzione
In questa prima fase, l’acqua dev’essere fredda: in questo modo, le proprietà del matè si conserveranno al meglio.
Si raccomanda di non mescolare le foglioline di matè per evitare che le parti più sottili e polverose si infilino nel filtro della bombilla.

  1. Una volta assorbita completamente l’acqua, si sarà formato un composto pastoso. Evitando di mescolare e di spostare la bombilla, versare nuovamente acqua calda ad 80°C (ma non bollente). Lasciare in infusione per 2 minuti.

Lo sapevi che…
In alcuni paesi, l’acqua calda viene sostituita con del latte caldo per ottenere una bevanda più ricca di sapore!
Per modulare il sapore del matè, è possibile aromatizzare le foglioline con menta fresca, semi di anice, camomilla o scorza di limone o arancia. Chi desidera un sapore più dolce, può aggiungere dello zucchero oppure del miele.

  1. Succhiare il liquido dalla cannuccia (senza mescolare con la bombilla): secondo il rito popolare, il matè dev’essere bevuto tutto in una volta dalla stessa tazza, senza sorseggiare, e la tazza va poi passata ad un compagno e riempita nuovamente con acqua calda. L’operazione di riempimento con acqua calda può essere ripetuta da 10 fino a 20 volte. Chiaramente, le prime infusioni sono caratterizzate da un sapore più forte ed intenso perché i principi attivi sono più concentrati.
  2. Al termine, il contenitore va lavato con semplice acqua e lasciato completamente asciugare prima del nuovo utilizzo.


Il commento di Alice - PersonalCooker

Principi attivi e proprietà La pianta del matè (Ilex paraguariensis) cresce nell’America meridionale - in particolare nel Paraguai - e viene utilizzata principalmente per le sue foglie, che contengono principi attivi come tannini, metilxantine, triterpeni, derivati dell’acido caffeico (es. acido clorogenico) e flavonoidi. Per la composizione in termini di sostanze attive, il matè rientra nella lista delle sostanze nervine, ovvero sostanze dalle proprietà toniche in grado di agire a livello centrale migliorando l’efficienza psico-fisica.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

Il tè Yerba Matè è un bevanda dall'apporto energetico pressoché nullo. Non contiene né colesterolo, né fibre alimentari.
E' molto utilizzato nella dieta contro il sovrappeso.
Non ha controindicazioni per l'intolleranza al glutine e al lattosio.
Viene consumato anche dai vegetariani e dai vegani.
La porzione media è di circa 250ml.
I valori nutrizionali a lato sono lasciati vuoti, in quanto non è possibile determinarli con esattezza, sebbene prossimi allo zero.
VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: - Kcal

Carboidrati: - g

Proteine: - g

Grassi: - g

di cui saturi: -g
di cui monoinsaturi: -g
di cui polinsaturi: - g

Colesterolo: - mg
Fibre: - g


Commenti da Youtube

Ricette correlate

Cerca nel sito