Lievito Istantaneo - 3 Modi per Prepararlo in Casa

Volete preparare una torta soffice da forno ma avete terminato il lievito per dolci? Niente paura: possiamo presto ovviare a questo inconveniente preparando il lievito in casa. Esistono due categorie di lieviti:

  • I lieviti naturali o vivi (es. lievito di birra e lievito madre), che richiedono la lievitazione fuori da forno
  • I lieviti chimici ad azione istantanea (non richiedono il tempo di riposo)
Concentriamoci sui lieviti di tipo istantaneo: ve ne suggerisco tre tipi differenti.


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: molto facile

PER QUANTE PERSONE: 20 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI:64,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE:


91 CommentiClicca per leggerli

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta:   Preparazioni di Base / Ricette Vegane / Ricette Senza Glutine / Ricette per Vegetariani / Lievito Istantaneo - 3 Modi per Prepararlo in Casa

Ingredienti

Esempio di Lievito Secco Conservabile (per 500 g di farina)

Esempio di Lievito istantaneo non conservabile (per 500 g di farina)

Esempio di Lievito istantaneo non conservabile (per 500 g di farina)

Materiale occorrente

  • Bilancina pesa alimenti
  • Ciotola
  • Barattolo per la conservazione

Preparazione

Analisi degli ingredienti
Il cremor tartaro è il nome di fantasia attribuito al BITARTRATO DI POTASSIO, ovvero il sale di potassio dell’acido tartarico. Questa sostanza si cristallizza nelle botti durante la fermentazione del mosto o si forma nel succo d’uva fresco lasciato riposare, precipitando sul fondo sottoforma di polvere cristallina. Negli alimenti viene utilizzato per stabilizzare albumi (mantenendo consistenza e volume perché la sua acidità favorisce la coagulazione delle globuline dell’albume), panna montata e per mantenere il bel colore alle verdure. Per trasformarlo in agente lievitante, il cremor tartaro dev’essere addizionato a una base (es. bicarbonato di sodio) e mischiato ad acqua per reagire.
Il bicarbonato di sodio è un'altra sostanza molto usata in cucina come componente di lieviti ad azione istantanea. Per ottenere l’effetto lievitante, il bicarbonato di sodio deve reagire con un composto acido per produrre anidride carbonica (cremor tartaro, aceto, latticello, succo di limone, panna acida).
L’amido di mais: è una sostanza inerte, ovvero non ha alcun impatto sulla lievitazione. La sua presenza in un lievito per dolci/salati è importante per assorbire l’umidità, rendere il composto conservabile e prevenire la reazione acido-base prima dell’impiego in cottura.

  1. Per preparare il lievito istantaneo in polvere (conservabile), mischiare il cremor tartaro con il bicarbonato di sodio e l’amido di mais. Setacciare il composto, raccoglierlo in un contenitore con tappo a vite e conservare per 4-6 mesi in un ambiente buio e riparato da fonti di calore. Le dosi consigliate sono sufficienti per far lievitare un impasto composto da 500 g di farina. Per donare un aroma alla vaniglia al lievito istantaneo, si può aggiungere una bustina di vanillina oppure arricchire la polvere con dei semi di un baccello vaniglia.

Lo sapevi che…
Quando si fanno reagire i due ingredienti, la leggera acidità del cremor tartaro provoca l’idrolisi del bicarbonato e la conseguente produzione di anidride carbonica.

  1. Un altro modo per far lievitare gli impasti è mischiare il bicarbonato di sodio con una sostanza acida, che può essere succo di limone o aceto. Il lievito dev’essere aggiunto come ultimo ingrediente, poco prima di infornare il dolce. Le dosi consigliate sono sufficienti per far lievitare 500 g di farina.
  2. Mescolando il bicarbonato di ammonio con yogurt, latticello o panna acida si ottiene un altro agente lievitante, perfetto da preparare al momento (ma non conservabile).

E il bicarbonato di ammonio?
Anche questa sostanza viene utilizzata in alcuni impasti come agente lievitante. In particolare, è indicata per la preparazione di biscotti, crackers o comunque di prodotti a basso contenuto di umidità. Se il prodotto a cui viene aggiunto è ricco di acqua, l’impasto tende a trattenere ammoniaca, dunque la ricetta non risulterebbe buona. Si usa in dosi pari a 10g/500 g di farina. Prima di essere aggiunta all’impasto, dev’essere sciolta nel latte.



Il commento di Alice - PersonalCooker

Potete utilizzare il lievito istantaneo fatto in casa per dolci e salati: otterrete ottimi risultati. Potete scegliere il metodo che più vi piace: mescolando il cremor tartaro al bicarbonato di sodio e all’amido potrete ottenere una polvere conservabile a lungo... e dire addio ai lieviti per dolci già pronti (risparmierete molti soldi preparando i lieviti con le vostre mani)!

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

Il Lievito Istantaneo è uno starter di lievitazione che si basa sulla formazione di piccole bolle gassose all’interno dell’impasto.
Le tre varianti proposte hanno caratteristiche chimiche differenti, ragion per cui i valori riportati a fianco costituiscono una media. Hanno un apporto energetico che può essere trascurabile, quasi nullo, o al massimo equivalente a quello di una porzione di yogurt magro.
Le calorie sono fornite principalmente dai glucidi, seguiti dai protidi e infine da livelli marginali di lipidi.
I carboidrati sono prevalentemente complessi, i peptidi ad alto valore biologico (dello yogurt) e gli acidi grassi saturi (dello yogurt).
Il colesterolo e le fibre sono assenti o presenti in quantità irrilevanti.
Il Lievito Istantaneo si presta alla maggior parte dei regimi alimentari e non influenza l’equilibrio nutrizionale anche in caso di sovrappeso o patologie metaboliche.
Non contiene glutine, ragion per cui si presta alla dieta per la celiachia.
Apporta lattosio e non si presta al regime nutrizionale contro la rispettiva intolleranza.
Le prime due varianti sono ammesse dalle filosofie vegetariana e vegana; la terza, con lo yogurt, solo dalla filosofia vegetariana.
La porzione media è quella necessaria a svolgere la funzione di agente lievitante.
VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 64.00 Kcal

Carboidrati: 12.60 g

Proteine: 2.80 g

Grassi: 0.60 g

di cui saturi: 0.42g
di cui monoinsaturi: 0.17g
di cui polinsaturi: 0.03 g

Colesterolo: 3.30 mg
Fibre: 0.50 g


Commenti da Youtube

Ricette correlate

Cerca nel sito