Pizza Mimosa - Pizza con Farina di Avena

Come da tradizione, l’8 marzo si trascorre con le amiche! E quando il punto di ritrovo è a casa mia non voglio sbagliare: la pizza è sicuramente il piatto a cui nessuna di noi riuscirà a rinunciare! Per l’occasione della festa della donna ho pensato di preparare una pizza a tema: la pizza mimosa. Prepariamola insieme!


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: abbastanza facile

PER QUANTE PERSONE: 2 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI:218,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE: 20 minuti per la preparazione; 24 ore di lievitazione; 10 minuti per la cottura


31 CommentiClicca per leggerli

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta:   Pane, Pizza e Brioche / Ricette festa della donna, festa della mamma, festa del papà / Ricette per Vegetariani

Ingredienti

Per la pasta

Per la farcitura

Materiale occorrente

  • Ciotola
  • Cucchiaio di legno
  • Bilancina pesa alimenti
  • Pellicola trasparente
  • Teglia rettangolare oppure piastra in pietra refrattaria

Preparazione

  1. In una ciotola, setacciare la farina Manitoba e la farina di avena. Unire dunque il lievito di birra essiccato e l’acqua. Impastare velocemente ed unire il sale (avendo cura di evitare il contatto diretto con il lievito).

In alternativa…
In sostituzione al lievito di birra essiccato, è possibile utilizzare 3 g di lievito di birra fresco disciolti in 50 ml circa di acqua.

  1. Lavorare l’impasto molto a lungo e con energia: si dovrà così ottenere un composto liscio, morbido e vellutato.
  2. Oliare una ciotola e sistemarvi l’impasto preparato. Coprire con un foglio di pellicola trasparente: questa fase di riposo viene chiamata “puntata”.
  3. Lasciar maturare l’impasto a temperatura ambiente per almeno 24 ore.

Lo sapevi che…
Lasciando riposare l’impasto a lungo, i lieviti vengono “addormentati” (la loro azione viene rallentata); di conseguenza si otterrà un impasto molto aromatico e digeribile.
Si consiglia di utilizzare l’olio solo dopo la lievitazione: i grassi nell’impasto, infatti, rallentano l’assorbimento dell’acqua.
L’avena conferisce un sapore più intenso all’impasto, lievemente dolciastro, ma nello stesso tempo più leggero.

  1. Dopo 24 ore, l’impasto per la pizza è pronto per essere steso (o tagliato in più panetti, se si desiderano ottenere pizze più piccole). Preriscaldare il forno alla massima temperatura (250-280°C).
  2. Infarinare leggermente il piano di lavoro e stendere l’impasto con le mani aiutandosi con uno o due cucchiai di olio, lasciando i bordi più spessi: la stesura risulterà molto agevole.
  3. Farcire la pizza con passata di pomodoro e mozzarella. Realizzare un mazzo di mimosa con i fagiolini bolliti (che fungono da racemo), mais (per realizzare i fiori gialli) e pomodorini (per creare il fiocco della mimosa).
  4. Con l’apposita pala, sollevare la pizza e sistemarla sulla piastra in pietra refrattaria. Cuocere per una decina di minuti alla massima temperatura.

Attenzione!
Chi non possiede la piastra in pietra refrattaria, può cuocere la pizza in una normale teglia rettangolare (foderata con carta da forno) a 250°C per circa 20 minuti.

  1. Rimuovere la pizza 24 ore dal forno e servire.


Il commento di Alice - PersonalCooker

Trascorrere la festa della donna in compagnie delle amiche è il massimo, meglio ancora quando si organizza una cenetta a tema! Altre idee? Vi propongo la torta mimosa ed il risotto mimosa!

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

La Pizza Mimosa è una ricetta che rientra tra i primi piatti o i piatti unici.
Ha un apporto energetico moderato, anche se la traduzione qui a fianco non tiene conto della disidratazione che avviene in cottura.
L'energia è fornita prevalentemente dai carboidrati, seguiti dai lipidi e dalle proteine (questi ultimi due in egual misura).
I peptidi sono soprattutto a medio valore biologico, gli acidi grassi tendenzialmente saturi e i glucidi complessi (amido).
Il colesterolo è poco rilevante, mentre le fibre sono abbondanti.
Si tratta di una ricetta che non può essere inserita nella dieta vegana ma è ammessa in quella latto ovo vegetariana. In caso di sovrappeso, diabete mellito tipo 2 e ipertrigliceridemia, la porzione media dev'essere più contenuta.
E' da evitare nel regime alimentare per la celiachia e l'intolleranza al lattosio.
La porzione media della ricetta, se utilizzata come piatto unico, è di circa 200-250g (430-540kcal).
VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 218.00 Kcal

Carboidrati: 32.40 g

Proteine: 11.00 g

Grassi: 4.90 g

di cui saturi: 2.44g
di cui monoinsaturi: 1.42g
di cui polinsaturi: 0.68 g

Colesterolo: 11.00 mg
Fibre: 2.20 g


Commenti da Youtube

Ricette correlate

Cerca nel sito