Microcefalia - Cause e Sintomi

Definizione

La microcefalia consiste in un ridotto sviluppo del cranio. Tale anomalia può essere isolata e non avere alcun significato patologico; tuttavia, se la circonferenza del cranio è notevolmente inferiore alla media per sesso ed età, in molti casi rappresenta un indicatore di una o più condizioni patologiche, verificatesi durante lo sviluppo embrionale o nei primi anni di vita. La microcefalia, ad esempio, si trova nel contesto di infezioni virali in gravidanza (es. toxoplasmosi, rosolia e citomegalovirus), ipossia fetale, ipotiroidismo congenito, esposizione a farmaci teratogeni, sindrome alcolica fetale o specifici difetti genetici.

La microcefalia può associarsi a capacità cognitive normali o lievemente ridotte. Solo in alcuni casi, la microcefalia è legata ad una crescita anormale del cervello, con grave ritardo mentale. Ciò si osserva più frequentemente nel contesto di sindromi associate ad anomalie cromosomiche (ad es. la sindrome di Down) o a gravi alterazioni endocrine (es. ipotiroidismo congenito, si veda la voce cretinismo).

Possibili Cause* di Microcefalia

* Il sintomo - Microcefalia - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Microcefalia può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.

© 2018 Arnoldo Mondadori Editore Spa - riproduzione riservata - P.IVA 08386600152 - Tutti i servizi sono erogati, agli stessi termini e condizioni, da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. quale società incorporante di Banzai Media S.r.l. - Chi siamo - Contatti - Informativa Privacy - Privacy Policy - Cookie Policy - Disclaimer e Note legali

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. Leggi il Disclaimer »

Sito cellulare: