Fibrillazione atriale, l’aritmia cardiaca più diffusa nell’essere umano

Le aritmie cardiache sono alterazioni del normale ritmo di contrazione del cuore.

La loro insorgenza è dovuta a un comportamento anomalo del miocardio, nel quale risiedono i centri di controllo del battito cardiaco.
Questi centri di controllo, costituenti nel loro insieme il cosiddetto sistema di conduzione del cuore, sono posizionati in punti precisi e provvedono alla generazione e alla trasmissione del segnale nervoso (equiparabile a un segnale elettrico) che contrae il cuore.

La più nota e diffusa aritmia cardiaca al mondo è la fibrillazione atriale, la quale – come forse si può intuire solo dal nome – nasce a livello degli atri del cuore.

Esistente in varie forme, la fibrillazione atriale può insorgere per diversi motivi; alcuni di questi sono controllabili, altri invece, dipendendo da fattori come l'età, sono incontrollabili.

Da una normale contrazione del cuore dipende un'adeguata circolazione sanguigna verso i vari tessuti e organi del corpo. Quando il ritmo cardiaco è alterato, come nel caso di una fibrillazione atriale, la diffusione del sangue da parte del cuore potrebbe risultare insufficiente o impropria.

Con l'aiuto delle prossime immagini, si chiariranno alcuni aspetti fondamentali della fibrillazione atriale – come, per esempio, che cosa cambia nel cuore con la sua comparsa, le cause, i sintomi, i fattori di rischio ecc – e contemporaneamente si forniranno anche alcune curiosità che la riguardano.