Cancro al seno: tra falsi miti e verità

Il cancro al seno, noto anche come carcinoma mammario, è il tumore maligno più frequente e più mortale nel sesso femminile. Rappresenta, infatti, il 22% di tutte le neoplasie maligne che colpiscono le donne e possiede, tra quest'ultime, un tasso di mortalità pari al 16%.

In Paesi come l'Italia, gli Stati Uniti o l'Olanda, si è calcolato che a soffrirne è una donna ogni 8.

Nel mondo, ogni anno, si registrano 990.000 nuovi casi e 375.000 decessi. Nel nostro Paese, le donne che si ammalano annualmente sono 31.000; negli Stati Uniti, circa 200.000.

Come ogni tumore maligno, anche il cancro al seno deriva da una mutazione genetica, che induce una cellula (in questo caso una cellula della ghiandola mammaria) a moltiplicarsi in maniera incontrollata e a formare una massa cellulare anomala, con capacità infiltrative e metastatizzanti nei confronti degli altri organi e tessuti del corpo.

Lo scopo di questa fotogallery è sfatare alcune false credenze che riguardano il cancro al seno, riportando le notizie reali e i fatti che hanno una solida base scientifica.

Prima di procedere e per non creare confusione, è opportuno sottolineare che il titolo di ciascuna immagine riporta il falso mito da sfatare.

Immagini simili