La zanzara tigre: come si riconosce?

Originaria dall'Asia e arrivata in Europa solo di recente, la zanzara tigre (Aedes albopictus) è ormai una specie stabilmente insediata alle nostre latitudini.

L'Aedes albopictus ha le stesse dimensioni della zanzara comune (Culex pipiens), pari a pochi millimetri; l'insetto adulto si distingue per la colorazione nera del corpo, con striature trasversali bianche sulle zampe e una riga bianca che si prolunga sul dorso.

Nel nostro territorio, la zanzara tigre è presente, con variazioni dovute al clima, da aprile a fine settembre-metà ottobre. In autunno, gli insetti adulti muoiono; le uova, invece, sopravvivono al freddo invernale e, la primavera successiva, daranno origine ad una nuova generazione di zanzare.

L'Aedes albopictus è molto aggressiva: punge anche in pieno giorno, soprattutto nelle aree all'aperto più ombreggiate, tra l'erba alta, le siepi e gli arbusti, ma anche all'interno delle abitazioni. La zanzara tigre vola a "bassa quota": non a caso prende spesso di mira le caviglie e i polpacci.

Immagini simili