Droghe ricche di tannini

In natura i tannini abbondano nei tessuti vegetali, in particolare in quelli legnosi. Li ritroviamo quindi nelle cortecce, ma anche nei semi, nelle foglie e nei frutti, specie se acerbi.

Il sapore sgradevole di un frutto acerbo deriva in parte anche dal suo elevato contenuto di tannini. Queste molecole, infatti, vengono sintetizzate dalla pianta per proteggerla dall'attacco di parassiti, insetti ed erbivori. I tannini hanno inoltre funzione antiossidante per la pianta e spesso la proteggono isolandola dagli agenti atmosferici.

I tannini abbondano in molte droghe vegetali; tra quelle maggiormente utilizzate per la quantità di tannini in esse contenuti si ricordano: amamelide (foglie o corteccia di Hamamelis virginiana L.), bistorta (Polygonum bistorta L.), corteccia di quercia (da varie specie di Quercus), noce (foglie e mallo di Junglans regia L), ratania (radici di Krameria trianda Ruitz et Pavon) e tormentilla (radici di Potentilla tormentilla)

Nell'immagine alcune foglie di amamelide verdi ed altre essiccate e sminuzzate grossolanamente.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito