Come lo strabismo altera la visione binoculare

Il cervello e l'occhio lavorano insieme per riconoscere ed elaborare le informazioni visive. La luce entra nell'occhio, dove la retina traduce l'immagine percepita in segnali nervosi che vengono inviati, grazie alle vie ottiche, al cervello. Quest'ultimo fonde gli stimoli visivi provenienti da ciascun occhio in un'unica immagine tridimensionale.

Per la corretta visione binoculare, quindi, è importante che entrambi gli occhi siano rivolti nella stessa direzione.

Il processo che consente la visione binoculare comincia a svilupparsi a partire dai primi mesi di vita e, durante l'età infantile, il normale allineamento dei due occhi permette di sviluppare una buona visione. Nello strabismo, essendo gli occhi mal allineati e non orientati nella stessa direzione, solo un occhio fissa un oggetto. Il rischio è che l'occhio deviato e non utilizzato diventi pigro per l'instaurarsi dell'ambliopia. Oltre al danno estetico, quindi, la conseguenza più grave dello strabismo è la perdita della visione con entrambi gli occhi (binoculare).

Immagini simili