Il 3D fa male agli occhi dei bambini?

Il Ministero della Salute ha emesso una circolare che obbliga i produttori di TV ad informare gli utenti sui possibili danni alla salute provocati dalla visione a tre dimensioni (3D). Nel documento del 31 luglio 2013, in particolare, si legge che, tra le avvertenze nei manuali dei dispositivi, deve essere controindicato l'utilizzo di occhiali 3D in ambito domestico per i bambini al di sotto dei 6 anni di età. Per i soggetti di età superiore, invece, la visione deve essere orientativamente limitata alla durata di un solo spettacolo cinematografico. Anche la Nintendo, avverte che la consolle di gioco portatile 3DS, deve essere usata solo in modalità 2D dai giocatori sotto i 6 anni.

La vista delle immagini 3D per un lungo periodo, infatti, può avere effetti negativi sullo sviluppo degli occhi dei bambini più piccoli. Il rischio maggiore è lo strabismo: la vista non è completamente sviluppata fino ai 7 anni e, giocando o guardando uno spettacolo televisivo in 3D, i due occhi sono obbligati a guardare in direzioni diverse.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito