Quinoa e Celiachia

La celiachia è una vera e propria intolleranza alimentare al glutine; questo, è una proteina composta da due sub unità peptidiche (glutenina e gliadina) contenuta in certe piante appartenenti alla Famiglia delle Poaceae o Graminaceae. Quelle commestibili fanno parte dei così detti “cereali”, anche se tale classificazione pare forviante oltre che priva di qualsivoglia fondamento botanico. (questo perché certi “cereali” e “pseudo cereali” appartengono a famiglie diverse). Ciò che accomuna alcune Poaceae agli pseudo cereali di famiglie botaniche differenti è la totale assenza di glutine, quindi l'idoneità alla dieta contro la celiachia. La quinoa “dovrebbe essere” una di queste.
Della quinoa si mangiano i semi. Questa granaglia, originaria dell'America Meridionale, è coltivata da oltre 7000 anni in vari territori compresi tra l'alta quota (Bolivia, 4500m) ed il livello del mare (Cile, 0m).
La quinoa ha assunto recentemente un valore commerciale piuttosto rilevante, in quanto la sua assenza di glutine e la spiccata ricchezza nutrizionale (maggiore rispetto a quella di un cereale comune) si sposano perfettamente con le necessità alimentari del celiaco. Tuttavia, alcune sperimentazioni effettuate in vitro avevano lasciato dedurre che la quinoa potesse in qualche modo stimolare la reazione immunitaria degli intolleranti al glutine, ragion per cui è stato affrontato e pubblicato uno studio IN VIVO intitolato: “Gastrointestinal effects of eating quinoa (Chenopodium quinoa Willd.) in celiac patients”. In definitiva, grazie ad alcune rilevazioni istologiche e sierologiche effettuate su un campione di ricerca di celiaci, si è osservata la TOTALE appropriatezza della quinoa nel regime alimentare degli intolleranti al glutine. La valutazione ha preso in oggetto la condizione degli enterociti che, in condizioni di sofferenza, avrebbero dovuto subire un'atrofia dei villi e richiamare un numero significativo di globuli bianchi (con la quinoa non è accaduto). Inoltre, a valorizzarne il significato nella dieta, è emerso che l'assunzione di 50g di quinoa al giorno ha provocato la riduzione sierologica dei lipidi totali, quindi sia del colesterolo, sia dei trigliceridi.

Articoli Correlati

Cerca nel sito