Bambini: precauzioni al sole

Il sole è prezioso per i bambini, ma occorre l'opportuna prudenza.

Pur avendo un numero di melanociti pari agli adulti, infatti, il loro organismo non riesce ancora a produrre correttamente la melanina, la sostanza che si attiva quando la pelle viene esposta al sole, proteggendola. Deve essere considerato, poi, che i bambini hanno una pelle più sottile rispetto a quella degli adulti, quindi risultano più sensibili agli UV, i quali possono penetrare facilmente in profondità.

Inoltre, il film idrolipidico che ricopre in modo naturale la pelle ed altri sistemi di protezione del corpo, come la termoregolazione, nel loro caso, sono solo parzialmente sviluppati; ciò comporta un più elevato rischio di disidratazione. Infine, è necessario ricordare che le scottature solari in età pediatrica aumentano il rischio di sviluppare il melanoma ed altri tumori cutanei in età adulta.

Per questi motivi, i bambini fino ai 12 mesi non andrebbero mai esposti direttamente ai raggi solari, poiché la loro pelle è delicatissima. Inoltre, non si dovrebbe mai dimenticare l'applicazione di una crema solare con una protezione molto alta (50+) a base di filtri fisici (esempio: ossido di zinco), che protegga dall'azione dei raggi UVA e UVB.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito