Orticaria: perché si chiama così?

L'orticaria è un'eruzione cutanea localizzata o diffusa, che si manifesta con arrossamento, prurito e pomfi rilevati (lesioni eritematose, rotondeggianti o irregolari, di dimensioni variabili); può essere acuta (temporanea) o cronica (duratura o recidivante).

Nella patogenesi, si riconosce una massiccia liberazione di istamina attraverso i mastociti (elementi cellulari che svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario), da cui consegue una reazione infiammatoria.

Il termine "orticaria" deriva dal nome latino Urtica, in quanto i sintomi che caratterizzano il disturbo ricordano le manifestazione cutanee che compaiono dopo essere entrati in contatto con le ortiche.

Le foglie di queste piante presentano, infatti, una sostanza ad azione revulsiva, che risulta irritante per la pelle di uomini ed animali. Il risultato di un'eventuale contatto con i sottili tricomi urticanti (simili a peli) che rivestono le lamine fogliari ed il fusto dell'ortica porta alla formazione di piccoli eritemi sulla pelle, associata ad una sensazione di intenso prurito ed intorpidimento.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito