Orticaria da freddo: caratteristiche

L'orticaria da freddo è una reazione cutanea scatenata dall'esposizione a temperature molto basse, neve e ghiaccio. Questa particolare forma di orticaria raggiunge il suo picco nel periodo invernale, ma può presentarsi anche in estate dopo la manipolazione di oggetti refrigerati, l'ingestione di bevande e cibi molto freddi o l'ingresso in una stanza con l'aria condizionata. I sintomi possono comparire anche se una persona si lava le mani con l'acqua fredda o dopo un bagno in piscina o in mare.

L'orticaria da freddo ha caratteristiche particolari: i pomfi pruriginosi hanno un aspetto puntiforme ed, almeno in una prima fase, sono limitati alla parte esposta alle basse temperature.

Altra caratteristica è il fatto che le manifestazioni sono più persistenti rispetto ad altre reazioni orticarioidi (in genere, durano più di 24 ore) e si attenuano nelle ore notturne.

La diagnosi dell'orticaria da freddo si ottiene, oltre che con un'attenta anamnesi, con un semplice test di provocazione. Questo consiste nel porre un cubetto di ghiaccio sull'avambraccio per 3-5 minuti o nell'immergere la parte in acqua fredda.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito