Le noci assomigliano a piccoli cervelli: sarà un caso?

Facendo riferimento alla citazione ironica di James Joseph, noto professore universitario statunitense, pare che le noci (Juglas regia) vantino un potenziale straordinario sulla conservazione e, perché no, sull'ottimizzazione delle funzioni intellettive. Queste affermazioni si riconducono ad alcuni lavori scientifici, uno dei quali (ahimè, svolto sui ratti e non sull'uomo), ha evidenziato diverse proprietà degne di nota.
Il titolo è “Effects of walnuts on learning and memory functions”. Pare che la notevole concentrazione di acidi grassi buoni delle noci, oltre a definirne una certa densità calorica, abbia inciso positivamente sull'apprendimento e sulla memoria dei ratti analizzati in laboratorio. Inoltre, non da meno, pare che quelli nutriti con le noci diminuissero sensibilmente e spontaneamente l'assunzione di cibo. Insomma, una vera e propria “Manna” per gli smemorati e, perché no, anche per i giovani studenti. Attenzione però: noci si, ma senza esagerare!

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito