Morbo di Alzheimer: prevenirlo con il giusto sonno

In base ai risultati degli ultimi studi, medici e ricercatori ritengono che il morbo di Alzheimer – forma di demenza purtroppo molto comune e ancora incurabile – possa essere prevenuto in vari modi.

Il corretto riposo notturno è uno di questi.

Infatti, è stato dimostrato che dormire regolarmente e un giusto numero di ore per notte migliora le capacità cognitive e preserva da un deterioramento veloce delle cellule nervose cerebrali; mentre riposare poche ore al giorno o in maniera discontinua pregiudica le capacità di pensiero, di problem-solving, di acquisizione di nuove informazioni e di memoria.

Ricordando ai lettori che le ore di sonno notturno dovrebbero essere 7-8, vediamo insieme quali sono gli aspetti del riposo giornaliero a cui prestare massima cura:

  • Avere un sonno regolare. Ciò significa non solo dormire un giusto quantitativo di ore, ma anche andare a letto sempre alla stessa ora. Il cervello ha bisogno di una certa regolarità notturna, per stare bene. La conferma di quanto appena detto arriva da chi va abitualmente a letto presto: il giorno dopo aver fatto le "ore piccole" si sente frastornato e intontito, anche se ha dormito a sufficienza.
  • Non esagerare con il cosiddetto riposino pomeridiano. Molte persone anziane hanno l'abitudine di riposarsi al pomeriggio, per riprendere le forze. Questo riposo, però, non dovrebbe superare i 30 minuti, in quanto in caso contrario a risentirne è il sonno notturno.
  • Non avere televisione e/o computer in camera da letto. Questa stanza deve essere riservata esclusivamente al sonno notturno e alla vita coniugale. Eventuali distrazioni potrebbero ridurre il numero di ore dormite alla notte e minare la routine del sonno.
  • Trovare un'attività rilassante che "faccia prendere sonno". Si tratta di una sorta di rituale che facilita l'addormentamento. Per esempio, qualcuno trova efficace scrivere qualche riga sul diario personale, leggere alcune pagine di un libro o del quotidiano del giorno, fare un bagno caldo ecc.
  • Se non si riesce a prendere sonno, alzarsi dal letto e dedicarsi ad altre attività per 20-30 minuti. Può capitare che lo stress e l'ansia non facciano prendere sonno con facilità; in tali frangenti si consiglia di non rigirarsi nel letto, ma distrarsi con altro e in un'altra stanza della casa.

Immagini simili