Morbo di Alzheimer: prevenirlo con l’esercizio mentale

In base ai risultati degli ultimi studi, medici e ricercatori ritengono che il morbo di Alzheimer – forma di demenza purtroppo molto comune e ancora incurabile – possa essere prevenuto in vari modi.

La stimolazione mentale e delle abilità cognitive è uno di questi.

Infatti, è stato dimostrato che le cellule nervose del cervello sono come le cellule dei muscoli: se vengono mantenute in allenamento, atrofizzano più lentamente e vivono meglio; viceversa, se non vengono usate, perdono le proprie capacità come per esempio quella di interagire tra loro o trasmettere i segnali nervosi.

Entrando quindi nei dettagli, rappresentano un buon allenamento per i neuroni cerebrali:

  • Imparare qualcosa di nuovo. Studiare una lingua straniera (N.B: le persone bilingue risultano meno a rischio di ammalarsi di Alzheimer), imparare il linguaggio dei segni, leggere libri e giornali, applicarsi nello studio di uno strumento musicale mai suonato in vita e/o dedicarsi a un nuovo hobby sono tutte attività salutari per il cervello umano e le sue cellule.
  • Esercitare la memoria. Risultano allenanti per la memoria esercizi del tipo: elencare le principali capitali d'Europa o i capoluoghi di provincia italiani, creare connessioni tra eventi (per esempio, l'anno di nascita di una persona e l'anno in cui è avvenuto un famoso avvenimento sportivo), memorizzare numeri telefonici, date e password, ricordare la lista della spesa e così via.
  • Dilettarsi quotidianamente in giochi di strategia, giochi di carte, parole crociate, puzzle o indovinelli. Sono tutte attività che fanno leva sulle capacità cognitive del cervello umano. Quindi, se si praticano quotidianamente, i neuroni si mantengono in esercizio costante.
  • Analizzare, nei dettagli, le varie attività quotidiane. Gli inglesi direbbero di chiedersi sempre le cosiddette "5 W", ovvero: Who (chi?), What (che cosa?), Where (dove?), When (quando?), Why (perché?). Queste domande e le relative risposte rappresentano un ottimo esercizio per le capacità intellettive di una persona.
  • "Seguire la strada meno battuta". È una metafora che vuole indicare come sia importante variare le proprie abitudini o le cose con cui si ha a che fare abitualmente. Per esempio, può risultare utile provare a mangiare con la mano "debole" (la sinistra, per i destrimani; la destra, per i mancini), riorganizzare con criterio sempre diverso la propria libreria personale o i files del proprio computer e così via.

Immagini simili