Melanzane e Salute

Nutrizionalmente parlando, la melanzana è un alimento poco calorico e a basso contenuto di molecole energetiche (grassi, proteine e carboidrati); inoltre, anche il contenuto di certe vitamine e sali minerali può essere definito presente ma non eccezionale.

Uno studio del 1998, svolto presso il “Institute of Biology” dello stato di Sao Paulo (Brasile), ha dimostrato l'efficacia del succo ricavato dalla pianta di melanzane per ridurre il sovrappeso, il colesterolo sanguigno e il colesterolo aortico, in un gruppo di conigli ipercolesterolemici.

I risultati di uno studio del 2000 sugli esseri umani ha suggerito che la pianta S. melongena in infusione può avere (dal punto di vista metabolico della lipemia) un effetto modesto e transitorio simile a quello della dieta e all'esercizio fisico.

Uno studio del 2004 svolto dal “Heart Institute of the University” dello stato di Sao Paulo ha rilevato che l'estratto di melanzane associato a succo d'arancia NON è da considerare una alternativa alle statine nel ridurre i livelli serici di colesterolo.

Le melanzane contengono 0,01mg di nicotina per 100g di parte edibile; in termini assoluti è un valore modesto, ma risulta comunque superiore a qualsiasi altra pianta commestibile. In base al metodo di cottura utilizzato, la quantità di nicotina consumata mangiando le melanzane può essere paragonata a quella del fumo passivo. Mediamente, 9kg di melanzane contengono la stessa quantità di nicotina presente in una sigaretta.

Immagini simili