Quanto è resistente il virus dell'influenza aviaria?

La resistenza nell'ambiente dei virus che causano l'influenza aviaria dipende fondamentalmente dalla temperatura e dal pH del mezzo in cui si trova. I virus dell'influenza aviaria, infatti, possono sopravvivere nei tessuti e nelle feci degli animali infetti per lunghi periodi, soprattutto a basse temperature (possono resistere per circa un mese a 4°C). Anche il congelamento non è efficace nel distruggere il patogeno eventualmente presente in prodotti avicoli alimentari (precisando che le carni di animali infetti non sono mai commercializzate in Italia).

Al contrario, il virus è sensibile all'azione del calore e viene completamente distrutto durante la cottura degli alimenti (ad almeno 70°C; a 100°C sopravvive per meno di 2 minuti). Inattivano il virus dell'influenza aviaria anche l'esposizione ai raggi ultravioletti e a pH fortemente acidi (<3) e alcalini (>10). Lo stesso effetto è prodotto dall'azione di comuni disinfettanti (es. etanolo al 70% e ipoclorito di sodio allo 0.01%) e solventi organici (etere, cloroformio e acetone).

Immagini simili