Attacco di cuore e arresto cardiaco sono la stessa cosa?

Per la somiglianza dei nomi e delle conseguenze che provocano, attacco di cuore (o infarto del miocardio) e arresto cardiaco sono ritenuti da molte persone la stessa patologia.
In realtà, però, sono due condizioni morbose distinte e che s'instaurano con meccanismi di natura decisamente differente.

All'origine dell'attacco di cuore, infatti, c'è un'interruzione del flusso di sangue diretto al muscolo cardiaco, cioè il miocardio. Tale interruzione, se non è curata con tempestività, comporta una massiccia necrosi (o morte) del miocardio stesso e una marcata riduzione della capacità contrattile del cuore.

All'origine dell'arresto cardiaco, invece, c'è un'alterazione del ritmo sinusale – cioè un'aritmia – la quale "scombussola" i segnali elettrici che generano la contrazione del cuore fino a renderli del tutto inefficaci. In altre parole, durante un arresto cardiaco, il cuore si contrae malamente, come se non pulsasse più.

Curiosamente queste due diverse condizioni patologiche sono accomunate da un stesso fattore di rischio, il che potrebbe rappresentare un ulteriore elemento di confusione. Il fattore di rischio in questione è la presenza, in un individuo, di una malattia delle coronarie, che può provocare, inizialmente, un attacco di cuore e, poi, le stesse alterazioni ritmiche di un arresto cardiaco.

Immagini simili