Perché è importante sottoporsi al test per l’HIV?

Il 1985 fu un anno cruciale per la lotta all'AIDS: la Food and Drug Administration (FDA) approvò il primo test commerciale per verificare la sieropositività di una persona. Si tratta del test ELISA, un esame in grado di rilevare nel sangue la presenza degli anticorpi anti-HIV, elaborati dall'organismo quando si entra in contatto con il virus che provoca l'AIDS.

Il test ELISA per l'HIV prevede un semplice prelievo di un campione di sangue ed è veloce, anonimo e gratuito nelle strutture sanitarie pubbliche. Per avere un responso certo, il test deve essere eseguito dopo 3 mesi (periodo finestra che va dal momento del contagio a quello della comparsa degli anticorpi specifici) dall'ultimo comportamento a rischio (ad esempio, un rapporti sessuale non protetto dal preservativo). Se confermata, la presenza degli anticorpi contro l'HIV non è indice di malattia, ma solo di avvenuta esposizione al virus. Il test positivo viene poi confermato da esami di secondo livello, come il Western Blot, che indicano, definitivamente, la presenza dell'infezione.

Pensando di non essere a rischio, molte persone si sentono "immuni" all'infezione da HIV e non ritengono sia necessario sottoporsi al test. Il pregiudizio che l'AIDS sia legata a particolari gruppi a rischio, quali omosessuali e tossicodipendenti, è difficile da superare. La malattia, in realtà, può interessare tutti: dai giovani con una sessualità promiscua e non protetta, agli adulti e anziani che contraggono il virus durante rapporti occasionali extraconiugali. Molte persone, poi, non essendo consapevoli di essere sieropositive, continuano ad infettare inavvertitamente i partner, contribuendo alla diffusione del virus. La diagnosi tardiva dell'infezione, infatti, costituisce uno dei principali ostacoli per il controllo della malattia.

Oltre a scoprire precocemente la sieropositività, il test permette di avviare subito la terapia antiretrovirale in grado di abbassare la carica virale, prima che venga il sistema immunitario subisca dei gravi danni, consentendo alla persona HIV+ di condurre una vita in buona salute.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito