Encefalopatia epatica: sintomi

Esistente in una forma acuta e in una forma cronica e caratterizzata da un'alterazione dello stato mentale, l'encefalopatia epatica è una malattia del cervello che insorge in presenza di insufficienza epatica.

Il termine insufficienza epatica indica una grave condizione morbosa, che deriva da un fegato irrimediabilmente danneggiato e incapace di adempiere a svariate sue funzioni, come per esempio la sintesi delle proteine o l'eliminazione dal sangue degli agenti infettivi e delle tossine.

Secondo gli esperti, a favorire la comparsa dell'encefalopatia epatica, a partire da uno stato di insufficienza epatica, concorrono particolari fattori e circostanze tra cui:

La presenza di un'encefalopatia epatica è causa di alterazioni dello stato mentale, di coscienza e comportamentale.
I segni e i sintomi tipici di tali alterazioni sono numerosi e variano in base alla gravità della malattia, ovvero: più l'encefalopatia epatica è in fase avanzata, più grave è la sintomatologia.

Per rendere più semplice la consultazione del quadro sintomatologico, medici ed esperti hanno assegnato alla patologia quattro fasi o stadi (Criteri di West Haven):

  • Durante lo stadio 1, il paziente manifesta una prima iniziale perdita di consapevolezza, una lieve mancanza di attenzione, incubi notturni, sonno notturno disturbato con conseguente sonnolenza diurna, irrequietezza, depressione, ansia e/o irritabilità.

  • Durante lo stadio 2, il paziente manifesta cambiamenti della personalità, un aggravamento della sonnolenza, incapacità di risolvere anche semplici problemi di vita quotidiana, risposte agli stimoli rallentate, episodi di disubbidienza, cupezza e/o disorientamento nel tempo e nello spazio. In genere, in queste fasi si parla di letargia o apatia.

  • Durante lo stadio 3, il malato incorre in comportamenti bizzarri, scatti improvvisi e ingiustificati di rabbia, grave confusione mentale, uso di un linguaggio incomprensibile, paranoia, sonnolenza molto severa e/o irritabilità costante.
    In questa fase della malattia, l'esame dei segni rivela la presenza di mioclono, cioè tic involontari di uno o più muscoli, e del segno di Babinski, ovvero un movimento anomalo dell'alluce del piede scatenato da una stimolazione particolare a livello della pianta del piede.
     
  • Durante lo stadio 4, il malato è in coma, quindi non risponde ad alcun stimolo esterno.

ALTRI SEGNI PATOLOGICI

Spesso, accompagnano l'encefalopatia epatica alcuni segni fisici particolari, come: ittero (N.B: è una risposta agli elevati livelli di bilirubina nel sangue), ascite (ovvero la raccolta di liquido a livello della cavità peritoneale) ed edema periferico (in genere alle gambe).

Immagini simili