Encefalopatia di Hashimoto: che cos'è?

Le encefalopatie sono un gruppo di patologie che determinano un'alterazione strutturale e funzionale del cervello. In altre parole, sono malattie di tipo neurologico.

Congenita o acquisita, un'encefalopatia può durare tutta la vita (encefalopatia permanente) oppure può presentare un margine più o meno importante di guarigione (encefalopatia temporanea).

I vari tipi di encefalopatia differiscono tra loro per le cause scatenanti – alle quali di solito devono i loro nomi – per la sintomatologia, per le complicazioni, per il trattamento e per la prognosi.

Una forma solitamente temporanea di encefalopatia è la cosiddetta encefalopatia di Hashimoto, la quale è così chiamata perché è una complicazione di una condizione morbosa autoimmune nota come tiroidite di Hashimoto.

La tiroidite di Hashimoto è una malattia infiammatoria di tipo cronico che colpisce la tiroide, ovvero la ghiandola a forma di farfalla situata nella regione anteriore del collo e secernente gli ormoni tiroidei (T3 e T4) e la calcitonina.

A provocare il processo infiammatorio caratteristico della tiroidite di Hashimoto è un malfunzionamento del sistema immunitario, il quale, una volta alterato nella funzione, produce degli anticorpi anti-tiroide. Per coloro che non ne fossero a conoscenza, il sistema immunitario è la barriera difensiva dell'organismo contro gli agenti patogeni e le altre minacce presenti nell'ambiente esterno.

Come si può intuire dal nome, gli anticorpi anti-tiroide aggrediscono la tiroide e ne pregiudicano la funzione; ciò comporta una riduzione dei livelli sanguigni di ormoni tiroidei e l'instaurarsi di uno stato patologico noto come ipotiroidismo.

Descritta per la prima volta nel 1966, l'encefalopatia di Hashimoto è una complicanza abbastanza rara e che presenta ancora degli aspetti poco chiari, come per esempio l'esatto processo patologico che porta alla sua comparsa soltanto in alcuni individui.

A riguardo, alcuni ricercatori sostengono che giochi un ruolo determinante lo stesso malfunzionamento del sistema immunitario all'origine della tiroidite omonima.

Dal punto di vista epidemiologico, la malattia insorge solitamente attorno ai 47-50 anni e interessa maggiormente il sesso femminile.

SINTOMATOLOGIA

In genere, i sintomi e segni dell'encefalopatia di Hashimoto compaiono nel giro di poche settimane o mesi.
Il quadro clinico tipico consiste in:

  • Estrema sonnolenza
  • Problemi di equilibrio
  • Manifestazioni simili a quelle di un ictus (paralisi parziale di un lato del corpo, problemi di linguaggio ecc)
  • Disturbi neuro-psichiatrici (insolita aggressività, psicosi, cambiamenti di personalità ecc)
  • Convulsioni ed episodi di epilessia
  • Disorientamento
  • Mal di testa
  • Tremori
  • Perdita di memoria
  • Coma

Immagini simili