Crash Diet o Dieta Crash

Cos'è la Dieta Crash?

La Crash Diet o Dieta Crash è un sistema drastico di dimagrimento corporeo. In realtà, si tratta di un vero e proprio digiuno controllato, finalizzato a ridurre il tessuto adiposo in un arco di tempo più breve possibile. Nelle diete crash, l'apporto energetico è uguale o inferiore al 30% di quello normocalorico.

Oltre alla rapidità nel dimagrimento, l'altra caratteristica unica della crash diet è il modestissimo tempo di applicazione. Infatti, la dieta crash è concepita per essere protratta al massimo per una settimana; d'altro canto, è pure doveroso specificare che di crash diet ne esistono (ahimè) diverse varianti.

In pratica, le persone che non hanno voglia, tempo o denaro per gestire una dieta dimagrante, affrontano dei microcicli settimanali di crash diet tentando di smaltire 2-8gk in breve tempo. La motivazione, in genere, non è di tipo salutistico bensì puramente estetico.

La Crash Diet Funziona?

Dipende dall'obbiettivo prefissato; se si desidera “smaltire” una piccola quantità di grasso corporeo in brevissimo tempo (come certi atleti, ma a discapito della prestazione), teoricamente dovrebbe funzionare. Tuttavia, se il dimagrimento auspicato è rilevante, la dieta crash diviene quasi totalmente inefficace, poiché NON sostenibile.

Effetti Indesiderati della Dieta Crash

Malnutrizione, fame, stress e disidratazione sono effetti collaterali che insorgono facilmente anche nelle diete crash più generose. Chi assume alcolici durante una crash diet, rischia di peggiorare la carenza vitaminica, la disidratazione e l'ipoglicemia.

Inoltre, la maggior parte delle persone che affronta una dieta crash va incontro al così detto “effetto yo-yo” del peso, ovvero una continua fluttuazione dovuta al recupero e alla perdita di acqua e grasso corporeo tra i periodi di dieta e quelli di compenso.

Con la limitazione drastica dell'apporto calorico, dopo 1 o 2 giorni, l'organismo tende ad abbassare il metabolismo vanificando (seppur parzialmente) il tentativo di dimagrimento.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, i chili persi con la dieta crash sono costituiti prevalentemente dai fluidi corporei e solo in minor parte dal tessuto adiposo.

Nel caso in cui si voglia associare dell'attività sportiva alla dieta crash, è necessario tenere bene a mente il rischio di deplezione del tessuto muscolare.

E' anche necessario specificare che i tentativi di dieta (soprattutto drastici) mettono a dura prova anche la sfera psicologica ed emotiva di chi le pratica (probabilmente già sofferente); non da meno, l'autostima delle persone viene compromessa dopo ogni ripristino del peso originario (effetto tipico della crash diet).

In conclusione, la dieta crash rappresenta lo stereotipo delle condotte alimentari malsane adottate dai soggetti potenzialmente affetti (o a rischio) di disturbi del comportamento alimentare.

Immagini simili

Foto, Curiosità, Approfondimenti