Cardiomiopatia e diabete

Una delle complicazioni indotte dal diabete è una malattia del miocardio – cioè il muscolo del cuore – chiamata cardiomiopatia diabetica.

Le cardiomiopatie sono patologie che si caratterizzano per una modificazione anatomica del muscolo cardiaco, modificazione che si ripercuote negativamente a livello funzionale, con conseguenze talora anche molto gravi sul funzionamento del cuore.
Chi, infatti, soffre di una cardiomiopatia possiede un cuore debole e meno efficace nella sua azione di pompaggio del sangue.

Le alterazioni del miocardio che hanno luogo in presenza della cardiomiopatia diabetica consistono in una dilatazione della cavità ventricolare sinistra e in un assottigliamento della parete di quest'ultima.

I medici tengono a precisare che è scorretto parlare di cardiomiopatia diabetica, quando i problemi del miocardio di un diabetico si accompagnano a un'alterazione coronarica (cioè delle arterie coronariche che ossigeno il muscolo cardiaco). In questi frangenti, infatti, più che di cardiomiopatia si tratta di ischemia miocardica o, nei casi più gravi, di infarto del miocardio.

La cardiomiopatia diabetica è una malattia di cuore subdola, in quanto è per lungo tempo asintomatica. Alla comparsa, i sintomi consistono generalmente in dispnea (cioè mancanza di respiro), dolore al torace, malessere addominale associato ad ascite, edema in varie parti del corpo, tosse, senso di fatica e stanchezza ricorrente.

Immagini simili

Articoli Correlati

Cerca nel sito