Acidi Grassi a Catena Media

Gli acidi grassi a catena media (MCT) sono catene carboniose contenenti da 6 a 12 unità.
Anch'esse, come quelle corte e lunghe, possono strutturare dei digliceridi o trigliceridi mediante un legame di tipo estere tra due o tre catene ed uno scheletro di glicerolo.
Le fonti di estrazione commerciale più ricche di acidi grassi a catena media sono: olio di cocco e olio di certi semi.
Gli acidi grassi a catena media hanno una notevole importanza di tipo nutrizionale. Sono presenti nel latte materno umano, ma in quantità inferiore rispetto alle catene lunghe; al contrario, gli MCT abbondano nel latte di cavallo.
Secondo alcuni studi, il consumo di acidi grassi a catena media nella dieta può favorire il dimagrimento in caso di sovrappeso. Inoltre, nell'ambito della nutrizione dello sportivo, è risaputo che gli MCT rappresentano un'ottima fonte di energia durante lo sforzo atletico (pur in assenza di conferme sul miglioramento della prestazione).
E' comunque bene ricordare che la maggior parte dei risultati ottenuti sulla sperimentazione degli acidi grassi a catena media nello sport entrano in conflitto con gli esiti ricavati da altri lavori scientifici.
Tuttavia, in merito a certi pregi degli MCT, non è possibile discutere. Anzitutto, gli acidi grassi a catena media non richiedono la secrezione di sali biliari per la digestione; in secondo luogo, vantano la capacità di attraversare passivamente dal tratto gastro-intestinale al sistema portale sanguigno (invece di entrare nel circolo linfatico come quelli a catena lunga). Sono dunque ideali per i soggetti che soffrono di malassorbimento cronico.
Ricordiamo che pur essendo facili da digerire, assorbire e metabolizzare, in condizioni di dieta ipoglucidica, gli MCT non sono esenti dal rischio di acidosi metabolica (anzi, sembrano favorirla).
Gli acidi grassi a catena media vengono spesso utilizzati nell’alimentazione artificiale, nel trattamento della malattia di Waldmann ed è ragionevole prediligerli rispetto a quelli con catena lunga poiché sembrano avere un effetto positivo sul colesterolo HDL

Immagini simili